Calce e Marmorino

La calce è un rivestimento decorativo che produce un effetto liscio, lucido o satinato. Il suo effetto non è solo ottico, poiché garantisce un’ottima traspirabilità, bassa ritenzione allo sporco e resistenza all’attacco di muffe e batteri. A seconda della procedura di lavorazione si possono ottenere risultati diversi.

CALCE EFFETTO STUCCO

Sulle superfici viene applicato un fissativo a forte penetrazione, necessario per favorire l'aderenza dei prodotti di finitura.

CALCE RASATA PUNTINATA

Si applicano, con frattazzo in acciaio, più mani di calce, in strati abbastanza sottili per ottenere l'effetto puntinato, detto anche "sale e pepe". La finitura avviene mediante la lucidatura a ferro, effettuata con la frequenza che varia a seconda della lucidità che si vuole ottenere.

MARMORINO

Grazie alla sua semplice composizione di calce e polveri di marmo, questo tipo di finitura è utilizzato fin dai secoli passati per decorare nobili strutture. Adattato ai tempi nostri, oggi è adoperato per il suo piacevole aspetto esteriore, ma anche per le sue caratteristiche di resistenza all'acqua e agli agenti atmosferici. I tipi di marmorino, sia interno che esterno, da noi proposti sono due: quello normale e quello tradizionale.

NORMALE

Prevede l'applicazione di fissativo, più mani di marmorino, appiattimento e lucidatura a ferro.

TRADIZIONALE

È utilizzato per il restauro interno ed esterno di antichi edifici signorili...

MALTA AD AFFRESCO

Può essere realizzata su supporto di intonaco grezzo tradizionale o cocciopesto. Si effettua una rasatura a due mani di malta fine, e ad assorbimento della stessa si può eseguire la tinteggiatura a pennello, di cinque mani di calce. Segue appiattimento con frattazzo in acciaio fino ad ottenere un effetto liscio, semilucido e un po' poroso.

STUCCO ANTICO VENEZIANO

Questo tipo di rivestimento possiede proprietà chimico fisiche che conferiscono alle superfici resistenza, plasticità ed impermeabilità agli agenti atmosferici. L'umidità che viene a crearsi traspira dall'interno della pellicola, così il supporto non assorbe l'acqua. La finitura apparirà ad effetto frattazzato. A seconda del fondo, la granumetria del materiale può essere di diverso spessore.

La cura dei dettagli

È utilizzato per il restauro interno ed esterno di antichi edifici signorili, ma anche nelle strutture moderne per dare un tocco di eleganza e raffinatezza. Può essere applicato su supporto di intonaco grezzo tradizionale o cocciopesto. Il materiale viene preparato utilizzando granumetrie di diverso spessore, con polvere di marmo, calce e terre. Il supporto viene trattato a più mani, partendo dalla polvere di marmo con granumetria più spessa, per finire con quella più fine, finché il supporto risulta liscio e lucido. Infine, per proteggere il marmorino, si applica del sapone di Marsiglia. Si possono realizzare dei rilievi con passe-partout o finto marmo.

Sulle superfici viene applicato un fissativo a forte penetrazione, necessario per favorire l’aderenza dei prodotti di finitura. Si procede con la preparazione del fondo, che avviene mediante l’applicazione di una mano di marmorino, al fine di ottenere una superficie uniforme e compatta. Si prosegue con l’applicazione di più mani di calce stesa con frattazzo in acciaio. La finitura avviene mediante la lucidatura a ferro, effettuata con la frequenza che varia a seconda della lucidità che si vuole ottenere.