Restauro Esterno

Qualora vi sia la necessità di effettuare uno specifico intervento su intonaci vecchi e degradati di abitazioni o stabili, la nostra impresa è in grado di praticare un restauro completo, il quale conferisce un aspetto nuovo, sia estetico che strutturale.

1ª Fase

Fase di lavaggio

Al fine di eliminare polvere, scorie e muffe, presenti nelle parti esterne del supporto, viene effettuato un idrolavaggio completo eseguito con idropulitrice a 100 o 200 Bar di acqua calda o fredda (a seconda del supporto da trattare), con getto rotante o a ventaglio.

2ª Fase

Fase di impermeabilizzazione

Prendendo il tipico caso di un terrazzo, tale procedura è notevolmente migliorata nel tempo, rispetto a quando si utilizzava una semplice guaina.

3ª Fase

Fase di pulizia e ricostruzione

Nel tipico caso in cui le parti di intonaco non fossero perfettamente aderenti alla muratura, e risultino particolarmente degradate devono essere demolite e ripristinate con adeguato intonaco.

4ª Fase

Ciclo di risanamento

È un procedimento che viene praticato nelle murature soggette a umidità di risalita

5ª Fase

Fase di stesura aggrappante

Tutti i sottofondi vengono trattati con uno specifico prodotto "aggrappante" e preparati, per evitare la formazione di microcavillature, mediante l'applicazione di marmorino fibrato.

6ª Fase

Fase di rifinitura

Infine l'opera viene completata con marmorino per esterni, lisciata con frattazzo in acciaio e trattata con idrorepellente. La finitura può essere perfezionata con la realizzazione di una meridiana, una greca ed altri elementi decorativi.

La cura dei dettagli

E’ un procedimento che viene praticato nelle murature soggette a umidità di risalita. Attraverso la combinazione di specifici prodotti si crea un rivestimento della muratura grazie alla quale si impedisce il formarsi di accumulo salino. Le superfici vengono preparate mediante la rimozione dell’intonaco esistente, asportando ogni parte non idonea alla successiva applicazione del supporto.

Nel caso vi sia una forte presenza di salino, si procederà con la raschiatura e pulizia fino al vivo della muratura. Verrà successivamente steso un primo strato di “Rinzaffo assorbente”, necessario al riempimento di cavità e alla regolarizzazione della superficie, nonché indispensabile per creare una copertura uniforme, avente lo spessore di minimo 5 mm. Si procede con l’applicazione di un intonaco caratterizzato fisicamente da un sistema organico di macropori, steso con uno spessore minimo di 20 mm. La finitura viene eseguita con un rasante, ovvero un intonachino a base di calce, utile per uniformare le superfici trattate come sopra descritto, e ottimo come fondo di preparazione alla successiva tinteggiatura.